Cerca

Premi INVIO per cercare o ESC per uscire

Le battute finali del progetto PIA

29/03/2022

Con questo progetto gli attori coinvolti hanno valorizzato l’importanza dei Prati Stabili e hanno dato l’avvio ad un nuovo percorso che si spera possa portare alla candidatura dei Prati Stabili come patrimonio dell’Unesco.
 
youtube
Stefano Pezzini - Presidente Latteria San Pietro
Si chiude oggi con questo evento l'esperienza del pia è stata un'esperienza che ci ha messo insieme ci ha fatto lavorare per tre anni un percorso di valorizzazione del territorio che si è tramutato in un progetto, che ha l'obiettivo di dare estremamente valore a tutto il comparto agricolo ma non solo. Con questo evento riteniamo che ci sia la possibilità di continuare in un nuovo percorso che ci possa portare alla candidatura dei prati stabili come patrimonio dell'Unesco.
Massimo Salvarani - Sindaco di Porto Mantovano
Con oggi sostanzialmente chiudiamo un percorso che è partito alcuni anni fa relativamente al progetto PIA che ha visto collaborare gli enti locali, i comuni, con le aziende del territorio per la
valorizzazione dei Prati stabili e ovviamente le produzioni di essere arrivati in modo particolare il Grana Padano dei Prati Stabili.
Mi auguro che questo sia come vere l'inizio di un ulteriore cammino che insieme sicuramente ci vedrà impegnati per promuovere il nostro territorio e le nostre produzioni.

Paolo Galeotti - Sindaco di Marmirolo
É stato un percorso importante quello che abbiamo svolto insieme tra pubblico e privato tra i nostri comuni della serie un percorso che non si interrompe oggi ma ha messo le basi perché abbiamo costruito più consapevolezza del valore del nostro territorio.
Dobbiamo continuare mettendo come dire una prospettiva futura ma facendo anche delle azioni nell'immediato per costruire una governance di questo territorio.

Giuseppe Piori - Presidente Latteria di Marmirolo
Per la prima volta siamo riusciti a costruire qualcosina insieme tra pubblico e privato.
L'aver investito dei soldi insieme su un progetto comune, io penso sia stata la prima volta perciò è normale che abbia portato via dei tempi sia per la costruzione del progetto che poi per la sua realizzazione. Per me è tanto successo.

Mattia Cortesi - Sindaco di Roverbella
Le parole che utilizzerei per definire quanto caratterizza l'intero territorio dei Prati Stabili sono due: tutela di un territorio a tutela del nostro paesaggio, la tutela anche delle attività economiche che sono il perno fondamentale di questo di questo territorio dell'intera area e di sviluppo, ed è la parola che più ha echeggiato non solo negli interventi di questa mattina ma che è stato diciamo il perno fondamentale di tutta l'azione.
Paolo Avanzi - membro CDA Latteria Sociale di Roverbella
Abbiamo aderito come caseificio a questo PIA. Abbiamo rifatto una parte del nostro caseificio, abbiamo rifatto il magazzino, abbiamo tolto l'eternit, l'amianto, abbiamo cercato anche di risparmiare sull'energia perché risparmio energetico oggi all'ordine del giorno.
Abbiamo fatto una parte e adesso speriamo che insieme, se c'è ancora qualche altro bando visto che siano riuscite a collaborare insieme, di portale avanti e rimanere ancora uniti come siano stati uniti fino adesso.

Tiziano Campagnari - Vicepresidente Latteria Sociale Mantova
Noi abbiamo fatto la Salina San Sebastiano, la sala convegno alla Sociale di Mantova e dopo abbiamo coperto depuratore di quella Sociale di Mantova.
Spero che ci sia in futuro la possibilità di avere le altre collaborazioni e altre possibilità di confronto tra noi soci delle cooperative.

Massimo Dalzini - Presidente Latteria Goitese
Siamo orgogliosi di aver partecipato a questo PIA che ha coinvolto pubblico e privato.
Siamo pienamente convinti che il pubblico e privato siano una grandissima cosa come collaborazione e se ci sarà l'opportunità troveremo sicuramente qualcosa per essere partecipi ancora a questi bandi.

Paolo Boccola - Assessore Attività Produttive di Goito
Siamo alla chiusura del percorso del pia che ha visto impegnato i comuni e ovviamente tutte le latterie, quindi pubblico e privato.
É stato un percorso lungo però che ha visto i territori farsi carico di situazioni che sono davvero importanti cioè il mondo agricolo e i Prati Stabili. É la conclusione di un percorso ma comunque l'inizio di un altro perché questo progetto non si concluderà col PIA, quindi un percorso che andrà ad unire ulteriormente i territori che vedrà continuamente i comuni e soprattutto anche le latterie gli azionisti privati diciamo del territorio coinvolti.

Luciano Bertaiola - Sindaco di Volta Mantovana
Ho proposto oggi una collaborazione con i produttori del Grana Padano i prati stabili relativamente alla prossima mostra nazionale dei vini passiti d'amministrazione una vetrina nazionale dei prodotti del nostro territorio ed essendo questo uno dei prodotti di punta sia per qualità che anche per volume di affari, credo che sia importante la presenza di alcuni produttori e comunque l'abbinamento di questo prodotto ai vini passiti e da meditazione.
Fabrizio Ruozzi - Tecnico Fondazione C.R.P.A.
Gli studi che abbiamo compiuto ci hanno portato a dimostrare che nella zona della valle dei Prati Stabili del Mincio è assolutamente possibile allevare produrre latte destinato alla produzione di Grana Padano mantenendo un contesto sostenibile, riducendo le emissioni e quindi con vantaggi sociali che possono andare a beneficio di tutti gli allevatori, gli abitanti della zona, e anche turisti che possono essere attratti da questo comprensorio.
Paolo Marcesini - Giornalista, Direttore Italia Circolare
I Prati Stabili sono un territorio unico che sono di fatto un patrimonio universale dell'umanità. La decisione di candidarli come patrimonio universale dell'Unesco, non fa altro che confermare l'unicità di un territorio che riesce a unire insieme l'acqua, la terra, il lavoro dell'uomo, i prodotti. Questa unicità deve essere preservata deve essere tutelata, deve essere valorizzata, deve essere protetta. Questa terra, i Prati Stabili della Valle del Mincio sono già un patrimonio universale dell'umanità. Spero che lo riconosca anche l'UNESCO.